QuattroMoriNews.it

spot_img
spot_img

QuattroMoriNews.it

Chi siamo   Pubblicità

spot_img
spot_img

Zappa: “Il Cagliari è la squadra di un’Isola, di un popolo. Non è una frase fatta, lo tocchi con mano”

Paulo Azzi e Gabriele Zappa hanno partecipato questa mattina ad un incontro organizzato dagli studenti del Liceo Euclide di Cagliari, e risposto alle domande delle ragazze e dei ragazzi che hanno gremito la palestra della scuola.

Tanti i temi affrontati, a partire dalle difficoltà da superare all’inizio della carriera, quando ancora non si ha la giusta esperienza.
“Sono arrivato dal Brasile in Italia a 19 anni, il primo giorno ero totalmente spaesato, ha raccontato Azzi.
“Poi ho pensato che dovevo reagire, avevo un obiettivo: la mattina dopo ero al campo pronto per la mia nuova sfida.
Da quel giorno sono passati 10 anni: in Italia ho costruito la mia famiglia e sono felice di vivere qui”.
Gli fa eco Zappa.
“Anche se non ho dovuto cambiare Nazione come Paulo, anche io sono andato via di casa quando ero ancora molto giovane per inseguire il mio sogno, allontanandomi dalla famiglia, dagli amici.
Non è stato facile, ma nel mio cammino ho trovato compagni, amici che mi hanno aiutato”.  

“Tra di noi in squadra si sono creati dei rapporti quasi di fratellanza, gioiamo e soffriamo tutti insieme”, ha commentato Zappa.
“Arrivo al campo con il sorriso perché sto bene in questa squadra, in questo gruppo.
Ed è nelle difficoltà che il legame è diventato ancora più forte”.
Per Azzi: “I successi si costruiscono all’interno dello spogliatoio, nella quotidianità.
Qui a Cagliari tra compagni passiamo tanto tempo insieme, anche a colazione, a pranzo. E tutto questo sicuramente aiuta”.

Immancabile il ringraziamento ai tifosi, che non fanno mai mancare il loro sostegno.
“Giocare nel nostro stadio, davanti ai nostri tifosi è bellissimo”, ha raccontato Azzi.
“La forza che il nostro pubblico ci trasmette in campo è incredibile, una spinta che ci trascina”.
Aggiunge Zappa:Il Cagliari è la squadra di un’Isola, di un popolo. Non è una frase fatta, lo tocchi con mano anche ogni volta che giochiamo delle amichevoli nel territorio.
Trovi tantissima gente ad accoglierti, è sempre una festa. Come qui oggi con voi, è emozionate”.

Alla domanda qual è stato sinora il momento più bello della carriera, Zappa non ha dubbi: “La promozione dello scorso giugno.
Mi portavo dentro il macigno di quello che era successo la stagione prima.
Abbiamo riportato un’Isola in Serie A, è stato il momento più emozionante di tutta la mia vita”.  
Così Azzi: “La Serie A per me è come vivere un sogno, sono grato di questa opportunità.
Il Cagliari mi ha dato una possibilità. Tutti insieme, nelle difficoltà, con il lavoro, ci siamo presi la Serie A”.

spot_img


Leggi anche

Articoli recenti