QuattroMoriNews.it

spot_img
spot_img

QuattroMoriNews.it

Chi siamo   Pubblicità

spot_img
spot_img

Miglior riso bianco in Italia secondo il Gambero Rosso: due vengono dalla Sardegna

spot_imgspot_img

Il Gambero Rosso, dopo un blind test nel quale sono state degustate alla cieca alcune varietà, ha stilato una classifica dei migliori risi bianchi aromatici, sia nel mercato gourmet che nella grande distribuzione. Tra i 24 migliori d’Italia, anche due prodotti e distribuiti in Sardegna: il riso Thai Aromatico dell’azienda RisOristano (San Vero Milis) e il riso aromatico Gange dell’azienda Riso Passiu (Oristano).

RisOristano è fattoria sociale e azienda agricola storica, attiva a San Vero Milis dall’‘800. Marcello Stara continua la tradizione familiare recuperando la coltivazione del riso, già sperimentata nella zona e poi abbandonata. Una coltura adatta ai suoi appezzamenti ai piedi del Montiferru e vicino al mare, per la presenza di terreni argillosi che trattengono bene l’acqua, l’aria salmastra, il terreno vulcanico e il particolare microclima. I chicchi affusolati del Thai Aromatico, lavorati in modo soft in una riseria esterna, dopo la cottura di 13 minuti emanano un odore gentile ma sfaccettato di cereali dolci secchi, di campo e animali di bassa corte. La bocca è mediamente dolce e leggermente amara sul finale, molto pacata in intensità e persistenza, con un profilo aromatico centrato su note di volatili e aia vissuta, con lontani richiami ai latticini. Struttura leggermente collosa e adesiva. 

Passiu riserva sempre sorprese positive nei contest dedicati al riso. Anche in questa classifica conferma la vocazione risicola sarda, cosa tutt’altro che scontata per una regione sinonimo di pecorini, bottarga, spiagge dorate e mare color smeraldo. E dimostra ancora una volta l’alta qualità dei prodotti, in vendita anche online. Come il Gange (incrocio tra il Basmati e il Thailandese), coltivato in azienda in agricoltura integrata e pilato in una riseria esterna tramite sbiancatrice conica di tipo Amburgo. I chicchi, integri e affusolati, dopo la cottura di 13-15 minuti si presentano ben strutturati e definiti, nivei e lucenti, ed emanano un profumo lattico, di vegetali dolci e popcorn, arricchito da ricordi di aia. Il gusto ha la dolcezza del cereale e del latte, seguita da un lieve tocco amaricante in chiusura. Struttura eccellente, friabile, di ottima masticabilità e tenuta alla cottura.

spot_img


Leggi anche

Articoli recenti