QuattroMoriNews.it

spot_img
spot_img

QuattroMoriNews.it

Chi siamo   Pubblicità

spot_img
spot_img

Ranieri in conferenza: “All’Olimpico per giocarcela”

A due giorni dalla gara contro la Lazio, in programma sabato alle 18, mister Claudio Ranieri ha presentato in conferenza stampa l’importante sfida dell’Olimpico.

“La Lazio gioca a memoria, sa quello che vuole e come prenderselo.
Hanno perso qualche punto in confronto all’anno scorso, ma è un’ottima squadra, hanno grandi campioni, sanno trovare il gol. Noi dobbiamo fare la nostra partita, rispettarli ma giocare come sappiamo.

Sono leggermente in ritardo sul campionato, logico che puntino alla partita dell’Olimpico: mi aspetto una Lazio arrembante, con un pubblico caloroso.
Sappiamo che andiamo ad affrontare una squadra che ‘dicono’ che sta non in ottima forma, ma io vedo una Lazio in ottima forma che sa quello che vuole.
Andremo là con la massima consapevolezza che ci sarà da soffrire e da far soffrire, vogliamo sfruttare le nostre potenzialità“.

“Stiamo lavorando molto per non concedere gol all’avversario, prima o poi riusciremo a non far segnare l’avversario. Mi auguro che la partita con la Lazio possa essere la prima” ha dichiarato Ranieri.
L’attacco non mi ha mai preoccupato – ha aggiunto il mister -, sapevo che c’erano dei calciatori ancora indietro di condizione, ma le mie squadre hanno fatto sempre gol o quantomeno hanno sempre messo in condizione gli attaccanti di farlo”.

Mancosu e Nandez sono di nuovo in gruppo, una bella notizia riaverli insieme a noi“.
Lapadula? Ti dice che sta sempre bene ha sorriso il mister, che ha aggiunto “Logicamente non può stare al 100% dopo diversi mesi di stop. Da dieci giorni si sta allenando costantemente con la squadra“.

Su Nandez, sul quale in queste ore stanno circolando voci di mercato.
“Ve lo dico adesso: non parlerò mai di mercato.
È abitudine di tutti i procuratori, non solo di Bentancur, far girare i nomi, è un mercato di parole.
Io penso al ragazzo, ad allenarlo bene, lui è concentrato, vuole restare a Cagliari.
Poi se dovesse andar via lo ringrazieremo per tutto quello che ha fatto”.

Sul nuovo stadio
“Sono molto contento sia per la squadra che per la città di Cagliari.
Avere un nuovo stadio all’avanguardia deve rendere orgogliosi tutti i sardi, sarà sicuramente un fiore all’occhiello per tutta l’Isola”.

spot_img


Leggi anche

Articoli recenti