QuattroMoriNews.it

spot_img
spot_img

QuattroMoriNews.it

Chi siamo   Pubblicità

spot_img
spot_img

Jakub Jankto: “Claudio Ranieri è come un re della città”

Nel corso di una lunga intervista all’emittente televisiva statunitense ESPN, Jakub Jankto ha raccontato la sua esperienza al Cagliari e del suo rapporto con Claudio Ranieri.

“Il centrocampista di origine ceca siede nello spogliatoio dell’Unipol Domus, sede temporanea del Cagliari, mentre lo Stadio Sant’Elia attende con calma la sua ricostruzione proprio accanto – scrive ESPN. 
Al suo posto c’è una piccola maglia di cartoncino rosso e blu, su cui è stampato il numero 21
A destra Paulo Azzi, alla sua sinistra Nicolas Viola, il leader sempre impeccabilmente vestito
Jankto è arrivato in Sardegna quest’estate e per lui ha funzionato bene: buoni giocatori, buoni amici, dice”.

“Due figure religiose vegliano sulla stanza del centro sportivo: la Madonna da un lato, Sant’Efisio dall’altro. 
Un messaggio corre attraverso i muri: una terra, una città, una squadra
All’uscita, dopo l’ufficio di coach Claudio Ranieri, si legge un’altra citazione ‘Devi sapere che puoi vincere, devi pensare che puoi vincere, devi sentire che puoi vincere’. 
È un luogo sacro. A volte anche divertente. Ed è lì che ha sempre voluto essere.
Sognavo di trovarmi in uno spogliatoio come questo“,
dice Jankto.

Nato a Praga nel 1996, figlio di un meccanico e una commessa, Jakub Jankto è stato fortemente voluto da Claudio Ranieri che di lui disse: Jankto è un grande giocatore, un artista.
È forte, corre come un matto, ha buoni piedi, buone diagonali, assist, gol… È un ragazzo d’oro“.

Complimenti ricambiati dal giocatore ceco.
“Ha portato il Cagliari dalla Serie B alla Serie A , è davvero come un re della città e voleva prendermi.
Sono molto contento di lavorare con lui.
Scherza dopo le partite. Io potevo segnare o fare un assist e lui dice: ‘”Kuba, hai giocato oggi? Non ti ho visto.’
Non dico niente perché lo rispetto troppo. Ma in partita, quando sei emozionato, lui mi sgrida e forse io sono una persona eccessivamente sensibile e gli urlo di rimando.
Conosce molto bene i giocatori, la mentalità. Ha una vasta esperienza, sa esattamente come funziona il calcio.
A volte pensi che faccia qualcosa di strano, ma alla fine dimostra che aveva ragione, aggiunge Jankto.

“I tifosi sono vicini: intensi, chiassosi, sono il 12° giocatore, dice Jankto. 
“Quando attraversiamo un brutto momento non ci fischiano, al contrario ci incoraggiano.
Qualche settimana fa eravamo sotto 3-0 e sentivamo l’energia. Abbiamo ha vinto 4-3.

“Sono concentrato al cento per cento sul Cagliari.
C’è gente brava e vedo un futuro brillante.
Sapevamo che sarebbe stato difficile perché veniamo dalla Serie B, ma siamo una squadra forte e con l’aiuto dei nostri tifosi speriamo di continuare in Serie A, farò tutto quello che posso”.

spot_img


Leggi anche

Articoli recenti