QuattroMoriNews.it

spot_img
spot_img

QuattroMoriNews.it

Chi siamo   Pubblicità

spot_img
spot_img

Il Cagliari va avanti in Coppa. Ranieri: “La squadra ha voglia di non mollare mai”

Un finale da brividi, con un altro gol allo scadere come due mesi fa a Bari, porta al Cagliari la qualificazione ai sedicesimi di Coppa Italia
Dopo il pareggio 0-0 nei 90′ regolamentari, contro il Palermo finisce 2-1 con i gol di Dossena e di Di Pardo al 3′ di recupero del secondo tempo supplementare, dopo che i rosanero, un minuto prima, avevano segnato l’1-1 con Soleri.

“È stata una bella gara, difficile, contro un Palermo forte che ha una gran bella squadra – ha commentato il mister.
“Giocare 120′ prima del campionato non è il massimo, infatti le scelte durante la partita erano forzatamente dettate dalle condizioni atletiche e dalla fatica.
Ora pensiamo a recuperare”.

“I gol nel finale? Questa squadra ha voglia di non mollare mai, quello che chiedo sempre.
Questi ragazzi hanno enorme personalità e senso di appartenenza, l’atteggiamento è fondamentale, ora arriva la Serie A dove dovremo ottenere la salvezza, sarà difficile ogni partita.
Dobbiamo e vogliamo farci trovare pronti“. 

“Non ho mai avuto dubbi sui miei ragazzi – ha aggiunto il mister.
Siamo alla prima partita vera, onestamente sapevo che qualcuno non potesse essere al top, è normale.
Ho cercato di bilanciare tutto nelle scelte a inizio gara e durante, mi è piaciuta la voglia di reagire e rimanere compatti.
Non mi aspettavo una squadra così in palla, capace di pressare alta e forte, significa che stiamo bene e abbiamo la testa giusta“.

Chiaramente dovremo farci trovare pronti in Serie A dove non capiterà spesso di riuscire a essere così alti in fase di non possesso.
Qualcosina abbiamo sbagliato – ha evidenziato Ranieri -, ne parleremo con la squadra, sicuramente alcune situazioni in campo aperto vanno gestite meglio“. 

Viola? Adesso sta bene, ha fatto tutta la preparazione e quindi ha qualità per darci una mano come ha fatto oggi nel momento decisivo. 
Luvumbo? Deve conoscere la Serie A, anche lui era uno che poteva partire dall’inizio oggi, avevo bisogno di un giocatore che poteva far scattare la scintilla e così è stato. Ho deciso di non metterlo titolare per inserirlo nel secondo tempo e cambiare spartito”.

“I ragazzi appena arrivati hanno fatto bene, ma non avevo dubbi perché li abbiamo scelti con oculatezza.
Oggi bene anche Oristanio e Sulemana che non hanno grande esperienza nella massima serie e quindi hanno bisogno di crescere.
Shomurodov non doveva giocare, quando però ho visto che Pavoletti non ne aveva più l’ho messo in campo sperando non avesse intoppi fisici. È entrato bene, ha fatto una bella prestazione per farsi conoscere da tutti”.

Un ringraziamento ai tifosi.
“Sono stati straordinari, non me l’aspettavo già alla prima.
Bellissimo, avevamo bisogno di loro e ne avremo bisogno per i nostri obiettivi, perché nei momenti difficili il sostegno della nostra gente sarà fondamentale“.

spot_img


Leggi anche

Articoli recenti