QuattroMoriNews.it

spot_img
spot_img

QuattroMoriNews.it

Chi siamo   Pubblicità

spot_img
spot_img

Francesco Totti: “Quando Gigi Riva dopo il Mondiale 2006 scese da quel pullman…”

spot_imgspot_img

Un campione assoluto, il migliore attaccante della storia della nostra Nazionale. È Gigi Riva, un uomo dai grandi valori e capace di grandi rinunce, pur di non scendere a compromessi.

A raccontare tempo fa un aneddoto che ha reso ancora più chiaro lo spessore di Rombo di Tuono, è stato Francesco Totti nel suo libro: “Un Capitano”.

È il 2006, la Nazionale Italiana ha appena vinto il titolo mondiale battendo in finale la Francia ai rigori, ed è appena rientrata a Roma per la grande festa. Una festa alla quale Gigi Riva rinuncia.

“Dopo la vittoria del mondiale, al ritorno in Italia, il primo appuntamento è nel centro di Roma, il presidente del Consiglio Romano Prodi ci attende al palazzo del governo, in Piazza Colonna…

Arriviamo alle nove, in ritardo rispetto al programma. Prodi è sceso in strada ad accoglierci, dietro di lui c’è una fila di ministri, e so già che a Gigi Riva sta venendo l’orticaria. I politici non gli piacciono, specie quelli che, prima dell’inizio del mondiale, rilasciavano interviste nelle quali si chiedevano se dopo Calciopoli non sarebbe stato meglio restare a casa.

Il ricevimento a Palazzo Chigi è comunque piacevole ma malgrado il clima di festa assoluta, percepisco che qualcosa non va. Chiedo a Vito se ha orecchiato niente, e lui mi dice che ci sono problemi con Riva: quando ha sentito che sul grande pullman scoperto diretto al Circo Massimo non saliranno solo la squadra e lo staff che l’ha assistita al Mondiale, ma anche altri addetti federali e soprattutto qualche uomo politico, ha fatto una piazzata. Lo vedo in fondo alla sala, scuro in volto: cercano di trattenerlo, ma lui ha deciso. Scende rapidamente la scalinata interna, sbuca nella piazza accanto al pullman parcheggiato, prende il suo trolley e se ne va.

Se già lo ammiravo prima, per il suo passato da campione e per quella disponibilità unica a mettersi sempre dalla parte dei giocatori, adesso sento di amarlo proprio.

Trovo preziosa la sua capacità di non perdonare, di non lasciarsi scivolare addosso tutto come invece facciamo noi, che in quell’atmosfera di festa fingiamo per quieto vivere cosa aveva detto Tizio, cosa aveva proposto Caio e quanto ci aveva insultato Sempronio.

Gigi aveva invece chiarito di essere disposto a stringere qualche mano ma non a far salire tutti sul pullman dei vincitori. E con totale coerenza, una volta appreso che anche ci aveva osteggiato sarebbe entrato nelle foto, se ne va“.

spot_img


Leggi anche

Articoli recenti